Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop
lunedì 8 febbraio 2016 18:55
Esposto alla Magistratura sulla ex discarica abusiva di Cà Leona in via Eridano. Intanto a Santa Lucia si continuano a coltivare terreni con cemento amianto frantumato.
 
Connetti
Utente:

Password:



Cultura

Bertein, presidànt dla Consulta dla Cultura. Berteina, vice

Cronaca semiseria della consulta della cultura di lunedí 10 aprile a Persiceto e nuove prospettive per il futuro.

La Zinzèla
martedì 11 aprile 2017 21:45

dotaur Bertein Serra, professaur ed bulgneis
dotaur Bertein Serra, professaur ed bulgneis

Con piacere mi adeguo al nuovo corso della Consulta della Cultura di Persiceto, che ha eletto lunedì 10 aprile 2017 come suo Presidente al dotaur Bertein Serra, professaur ed bulgneis. Questa linea culturale che condivido pienamente, caratterizzata dalla passione per il dialetto, mi spinge a chiedere a Controcorrente di aprire una rubrica in bulgneis. Un salto di qualità non solo per il Territorio (al Zircundèri) ma anche per controcorrente.globalist.it, che grazie al dialàtt potrà esprimere al meglio la propria weltanschauung. Un'opportunità (ón quèll ed bòn) per tutta la pianura (la bàsa) e non solo per la Consulta. Cs'hoja da dir anch? s'am scultèv, a son drì a spiegherum.

PRÉMM (= PRIMO) Presidente e vicepresidente.

"Chi si candida?", l'ha dmandé l'assessora alla Cultura. "Me!", ha risposto Roberto Serra, e po' l'ha spieghé i su' intenzión: "Me, a j ho 'na passión: l'um piès al dialàtt". Applausi che non ti dico, perché TRADIZIONE, KILOMETRO ZERO e DIALETTO al dì d'incù i en compagn al prasùl (=oggi sono come il prezzemolo), più dei cerchi nel grano e dei marziani dell'Amola. Ed è vero che il dialetto si presta anche a retoriche stucchevoli ( "Come eramo bravi anche se tanto poveri! La polenta, la spója, la canva, le scarpe rotte! Com'era bello!), ma si presta anche a narrazioni storiche piene di pathos e di senso.
"E chi si candida come vicepresidente?". "Me!", al s'è livé só on ètar amig dal dialàtt - ma dal dialàtt ed la Cisa Nóva, brisa ed Castagnól. A j'è da savér che alla Cisa Nóva (=Decima) i dscårren brisa in bulgnèis doc, parché i en vgnù dal Nord (sono Vikinghi), e passando per Modena hanno preso un po' di cadenza furastìra. Anch låur però ci tengono alla tradizione: basti pensare che chiamano Cisa Nóva da 400 anni la loro chiesa. Qualcuno ce lo dica che la cisa ormai l'è bell'e vecia.
A questo punto però la Franca Marulli, del Circolo Arci Accatà, on zirqual ch'al dà sänper n'ucè al månd, lè saltèda só digand: "Be', mo da bòn? a j'è sól dal dialàtt e di umarell? E al dòni, non contano niente, al dòni? (=be', ma diciamo davvero? Esistono solo il dialetto e gli ometti? E le donne, non contano niente, le donne?) Me, a voj candidèr la Roberta Sangiorgi, prémm, parché l'associazione EKS&TRA si occupa di donne di tutto il mondo, secånd, parché l'è 'na dòna, e terz parchè in tal mond non ci sono solo Castagnolo e la Decima!" (quasst l'ha dett, purtròp, in itagliàn. Un poc l'ha dett e un poc l'ha pinsèd, ma l'era comm si l'aviss dett). Mo as vad ch' la su' prùposta l'è piasùda, parché Serra l'è stè elètt presidant, e la Sangiorgi vice - ban ch' la séppa dòna e la dscårra in ingléis.

SECÅND (=SECONDO). La lingua ufficiale della Consulta.

La lingua ufficiale della Consulta sarà preferibilmente al dialatt. Mo quèl t sfasôla ed pió (quale preferisci?), quall dal Tiraferr e dla Braja, o quall ed Taivel o Postman? E in che léngua dscårregna coi furastìr? Serra al dscårre in bulgnèis, mo l'è parmàss anch l'itagliàn. Me, a m'imazin la cumèdia. Fagand l'adunanza, al Presidant al lèze 'na zirudela preparèda par l'ucasiån: "Prilla e gira, verra e tura / a sem kì par la Kultura", e l'Associazione Emilia Romagna al Fronte interviene: "An s' pol brisa fèr acsé / tott i dè, tott i dé" (parché in tal simulazión ed guèra l'è sté frî da bon on ètar suldè), e il WWF s'immedesima in un leone appostato sull'argine del Samoggia: "El gnac vgnù al gnù in cù?". E tra un Decimino e un Castagnolese, uno della Villa e uno di San Giacomo di sotto, al Segretèr ch'al verbaliza l'è propri in braghi di tela: "Me, csa scriv?(al dis), zdoura o sdaura?" Parché al dialatt l'è mobil, cumpagn al dòni, an s'pol brisa lighérel né bluchèrel . L'è on quel difezil fèr al verbal.

TÊRZ (=TERZO). Valorizzare la nostra tradizione: Oktober Fest e Matilde di Canossa.

Me, a m'imazin ancaura altre sfilate storiche nelle vie del paese, Olaf il Vikingo e i su' anvaudi, Matilde di Canossa e il Passator Cortese, Asterix e Obelix che fanno gli astronauti, e Re Artù con il mago Merlino, Matilde di Canossa al fianco di un garibaldino, lei in gilè verde e lui in camicia rossa, con gli Austriaci che arrivano di corsa, ma dopo a j'è il Carroccio che guida la riscossa. Polenta, vin brulé, gnocco fritto e brustulle, mentre negli stand, dietro verdi cortine, friggono le sfrappole cento belle fanciulle. Queste Miss Padania un poco paffutelle friggon per la Pro Loco montagne di cressentine, ma c'è chi preferisce le tigelle.
La zirudela la leze al Presidant, con bravitù e spelling come fosse uno spillo, e due umarell con il gilé arancione (sono per la Sicurezza della Popolazione), annuiscono soddisfatti. Al dis Pirein: "Am pèr un bon ragazz". "Sì, proprio 'nu bravo guaglione", risponde Sasà, che è di Montefalcione.