Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop
lunedì 8 febbraio 2016 18:55
Esposto alla Magistratura sulla ex discarica abusiva di Cà Leona in via Eridano. Intanto a Santa Lucia si continuano a coltivare terreni con cemento amianto frantumato.
 
Connetti
Utente:

Password:



Cultura

Crevalcore, al Casello 33 è arrivata la tanto attesa vaporiera del 1902

La vecchia locomotiva ha lasciato Persiceto e ora è al Casello 33, in via Muzza sud a Crevalcore, dove la prof Marisa Reggiani entro l'anno aprirà il museo.

Pietro Carli
domenica 29 gennaio 2017 10:30

La vaporiera posizionata sul binario del Casello 33 vicino alla prof Marisa Reggiani (foto Pietro Carli)
La vaporiera posizionata sul binario del Casello 33 vicino alla prof Marisa Reggiani (foto Pietro Carli)

Il 28 gennaio 2017 è una data che la professoressa Marisa Reggiani farà fatica a dimenticare. Finalmente al Casello 33 è arrivata la vecchia locomotiva a vapore 830 006 FS, classe 1902, dell'ex linea Ferrara-Cento-Modena realizzata dalla ex Società Veneta (SV). All'inaugurazione c'erano modenesi, bolognesi e ferraresi.
La professoressa ha comprato la vecchia locomotiva 830 con i risparmi di una vita e sta già organizzandosi per riportare quella vaporiera arrugginita agli antichi splendori.
«Resta da riverniciare e togliere la ruggine - ha detto alla Gazzetta di Modena - dovrebbero venire a fare questo lavoro verso aprile. Il prodotto restituirà il colore nero, ma ci sono parti che erano gialle e rosse: si dovrà curare anche questo aspetto. In maggio la locomotiva sarà pronta come me l'aspetto».
Marisa ha trovato la vecchia vaporiera da un demolitore di San Giovanni in Persiceto, il signor Armaroli, che invano una decina di anni fa aveva cercato di far innamorare il Comune di Persiceto della sua locomotiva. Tutta tirata a nuovo, rossa fiammante con le ruote a bordi bianchi e i paracolpi gialli, sarebbe stato bello vedere questo vecchio treno in mezzo alla rotonda del Poggio a Persiceto.
Ma la sorte aveva in serbo un altro destino per la vecchia vaporiera.
Sabato mattina alle 8 la locomotiva è stata imbragata, issata sul camion e con un viaggio "speciale" è stata portata alla sua destinazione finale: il Casello 33, in via Muzza sud a a Crevalcore, che entro l'anno diventerà un museo per ricordare la vecchia tratta ferroviaria Ferrara-Cento-Modena, che fermava anche a Decima e San Giovanni in Persiceto.
All'epoca in cui era in servizio tutti chiamavano la vaporiera, allora giovane e scattante, la "Marianninina", ma non si conosce esattamente la genesi di questo soprannome. Alcuni ipotizzano che la chiamassero così forse perchè ricordava le mondine che in treno partivano per le risaie e cantavano "La Marianna la va in campagna".
Ora Marisa e la Mariannina si sono riunite nel Casello 33 per dare vita al sogno del museo.

la vaporiera lascia Persiceto (Video di Pietro Carli)
la vaporiera al Casello 33 di Crevalcore (Video di Pietro Carli)