Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop
lunedì 8 febbraio 2016 18:55
Esposto alla Magistratura sulla ex discarica abusiva di Cà Leona in via Eridano. Intanto a Santa Lucia si continuano a coltivare terreni con cemento amianto frantumato.
 
Connetti
Utente:

Password:



Cultura

Sarà riacceso il lumino sulla tomba di Riccardo Parisi?

Il 24/11 alle 13,30 a Bologna al sacrario dei Caduti in Certosa, Carlo D'Adamo ricorderà Riccardo Parisi, salvatore della città dalla distruzione dei tedeschi in fuga.

LA REDAZIONE
mercoledì 23 novembre 2016 16:10

Cimitero Certosa, Bologna
Cimitero Certosa, Bologna

Giovedì 24 novembre alle ore 13,30 a Bologna presso il sacrario dei Caduti della Resistenza in Certosa, alla presenza delle autorità cittadine Carlo D'Adamo terrà un discorso commemorativo del commissario di polizia Riccardo Parisi, che fra l'8 settembre 1943 e il 21 aprile 1945 mise in piedi una struttura di intelligence in grado di raccogliere informazioni in tutti gli ambienti cittadini, falsificare documenti e costituire un importante archivio clandestino, recuperato fortunatamente due anni fa sul lago di Garda, dove era finito.
Parisi è anche l'autore dell'ultimatum, accettato dal Comando militare tedesco il 20 aprile 1945, che salvò Bologna, dichiarata "città aperta", dalla distruzione da parte dei tedeschi in fuga. Parisi è anche l'autore, insieme al dottor Filippo D'Ajutolo, di un importante documentario fotografico che raccoglie le prove delle torture inflitte dai gerarchi bolognesi agli oppositori politici, partigiani o presunti tali, fotografati con i loro corpi devastati sui tavoli dell'obitorio. Dal Sacrario ai caduti della Resistenza il corteo, con rappresentanti dell'ANPI, del Parri e delle istituzioni cittadine, raggiungerà il campo 1971, dove, al piano terra, corridoio ovest, lapide n. 38, è la tomba di Riccardo Parisi, l'unica, in tutto il corridoio, ad avere il lumino spento, perché dopo la morte della moglie, avvenuta nel 2006, nessuno ha più pagato la bolletta annuale della luce.
Riaccendendo la memoria sull'importanza della figura di Riccardo Parisi, i promotori dell'iniziativa si impegnano a ripristinare anche l'erogazione della corrente.
Sarà riacceso il lumino sulla tomba di Riccardo Parisi?