Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop
lunedì 8 febbraio 2016 18:55
Esposto alla Magistratura sulla ex discarica abusiva di Cà Leona in via Eridano. Intanto a Santa Lucia si continuano a coltivare terreni con cemento amianto frantumato.
 
Connetti
Utente:

Password:



Cultura

L'arte... con il cartone magico di Carlo Casarini

Le opere sono in mostra fino al 30 ottobre al palazzo San Salvatore di Persiceto, venerdì 17-19.30; sabato e domenica 10-12 e 16-19.30. Ingresso libero.

ROBERTA SANGIORGI
giovedì 27 ottobre 2016 17:43

Carlo Casarini con la moka Bialetti di cartone
Carlo Casarini con la moka Bialetti di cartone

Con il cartone inventa oggetti ed atmosfere. L'orologio del tempo, la teiera da parete, la moka Bialetti, il pianoforte a grandezza naturale, il violoncello, la lampada a stelo, il caminetto, ma il suo capolavoro, ciò da cui tutto è nato, è il lampadario "barocco" realizzato con i cartoni della banana Chiquita.
"Lo vidi in una rivista e me ne innamorai subito - racconta Carlo Casarini, 40 anni, persicetano, agente di commercio per professione e artista per passione - L'idea era di una designer olandese. La rintracciai grazie ad internet. Lei mi inviò un disegno con la spiegazione per la costruzione ed io mi misi all'opera".
Il lampadario fu realizzato ("pensa che adesso i cartoni della Chiquita non si trovano più" racconta) e da allora la magia del cartone non ha più abbandonato Carlo Casarini, che la creazione l'ha sempre avuta nel sangue, fin da quando per dieci anni fece il carnevalaio per Jolly e Maschere allo Spillo di Persiceto.

Poi i figli, la famiglia, il lavoro. "Dovetti abbandonare l'impegno con il carro". Ma Carlo nel solito tran-tran ci stava stretto: gli mancava quel muovere le mani e la fantasia per realizzare i sogni. Poi l'incontro con il cartone, amore a prima vista, che da allora è diventato la sua ragione per "evadere" con l'immaginazione da fatture, ordini, consegne. "Prima realizzo lo schizzo dell'oggetto che voglio realizzare e poi vedo come posso adattare il cartone alla mia idea. Realizzo delle sagome che poi incastro per dare la tridimensionalità. Non uso colla, così posso smontare e ricomporre le mie opere", spiega Carlo. "Cartone... magico!" è il nome che si è scelto e attraverso cui ha dato vita all'immaginazione per realizzare scenografie per il teatro, giochi che i bambini possono montare e rismontare creando nuove forme, borse cartonate per vetrine chic di negozi alla moda. Dall'invenzione all'arte il passo è stato breve.
"L'arte... con il cartone" è la sua prima mostra. Dalla passione poi è nato anche un piccolo business: con poche centinaia di euro ci si può portare a casa un'opera d'arte originale e unica.
Le opere di Carlo Casarini sono in mostra fino al 30 ottobre al palazzo San Salvatore di Persiceto, al piano terra della biblioteca. Vi consiglio la visita: venerdì dalle 17 alle 19.30; sabato e domenica dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19.30. Ingresso libero. Entrare nel "Cartone magico" di Carlo è davvero uno spettacolo!
Se non riuscite in questi giorni, potrete ammirare le opere d'arte di Casarini al Cafèstival, che si svolgerà a Palazzo Albergati a Zola Predosa il 5 e 6 novembre.