Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop
lunedì 8 febbraio 2016 18:55
Esposto alla Magistratura sulla ex discarica abusiva di Cà Leona in via Eridano. Intanto a Santa Lucia si continuano a coltivare terreni con cemento amianto frantumato.
 
Connetti
Utente:

Password:



Cultura

Emozioni e colori, i Racconti nelle opere di Formenti

Le pitture-sculture di Formenti saranno in mostra dall'1 al 16 ottobre a Persiceto nella sede de L'Atelier in via Tassinara 36/A. L'inaugurazione il 1° ottobre alle 17.

L'ATELIER
lunedì 26 settembre 2016 20:51

L'artista Primo Formenti
L'artista Primo Formenti

I "Racconti" pittorici dell'artista Primo Formenti saranno in mostra dall'1 al 16 ottobre a San Giovanni in Persiceto nella sede della associazione L'Atelier in via Tassinara 36/A. L'inaugurazione è sabato 1 ottobre alle ore 17. Ingresso libero. Orari di visita: sabato e domenica dalle 17 alle 19.30.

Le emozioni attraverso i colori: i racconti di Formenti

Primo Formenti nasce nel 1941 a Palazzolo sull'Oglio dove tutt'ora svolge la sua attività di artista.
Inizia la carriera nell'ambiente parigino dei primi anni '60 del secolo scorso dove risente del fermento culturale che elabora soprattutto nella sua componente di ricerca e trasformazione della materia e del colore. I primi quindici anni di lavoro li dedica al genere figurativo per poi staccarsene e giungere alla fase di maggior creatività, caratterizzata dalla scelta di una tecnica molto particolare, quella dell'affresco che esalta con una pittura tendenzialmente astratta.

Le sue opere non fanno altro che raccontare storie, disvelare situazioni esistenziali, mettere in scena la sua interiorità, manifestare in sostanza le sue avventure emozionali. Il linguaggio diviene dunque una questione fondamentale nel lavoro di Primo Formenti perché esso assume, nella sua clamorosa inattualità ed apparente illeggibilità, la dimensione della metafora in grado di esprimere la valenza più autentica della personalità interiore dell´artista. Particolarmente interessante appare a questo punto osservare i singolari procedimenti realizzativi attraverso i quali Primo Formenti mette in scena il suo mondo immaginativo interiore. Va infatti notato che Formenti utilizza nel suo lavoro svariati supporti anomali, spesso impiegati nel tempo per altre funzioni come vecchi legni corrosi dal tempo, cartoni modellati dalla sua visione immaginativa, tele forse non destinate alla pittura, oggetti metallici consunti dal tempo e corrosi dall´azione della ruggine.

Ecco perché le sue opere, che spesso si distaccano dalla parete ed occupano lo spazio, trovano cioè collocazione nell´ambiente, risultano a volte definibili ai limiti della scultura dipinta o, se si preferisce, della pittura-scultura. La sua vita artistica si suddivide in diversi cicli. I primi, a partire dalla fine degli anni '70 sono Giocando, Donne, Composizioni e I manifesti immaginari. Nel 1987-1988 approda, con l'intento di evidenziare ancor più la logica del dialogo già presente nei periodi precedenti, ad un nuovo periodo espressivo denominato Rapporti. A questo punto emergono con insistenza eleganti steli - di legno antico, lavorate, di un'imprimitura colorata che rende questi oggetti eloquenti totem occidentali, poiché la ricerca del primitivismo, in Formenti, è più orientata ad individuare gli stilemi medievali che la lingua sintetica dell'africanismo.

L'ultimo periodo, avviato nel 1996-1997, va sotto il nome di Racconti

Ora la narrazione di Formenti è puramente astratta, una sorta di topografia cromatica, caratterizzata da un importante equilibrio compositivo, nella quale l'autore proietta un'osservazione sintetica della quotidianità. Usa tecniche miste su tele estroflesse in cui la narrazione, puramente astratta, avviene attraverso l'uso del colore. Il gioco di linee e segmenti che si incrociano quasi in maniera dimessa, lasciano spazio al colore, forma principale di espressione. Primo Formenti ha esposto le sue opere in decine di personali in tutta Italia, nonché in Olanda, Canada, Brasile, Svezia, Germania, Croazia, Belgio e Stati Uniti.
Alcune sue installazioni sono state ospitate in spazi famosi come, ad esempio, all'interno del Caffè Florian di Venezia, mentre uno dei suoi Racconti caratterizza la stanza 216 dell'Alexander Museum Palace Hotel di Pesaro.

Maggiori informazioni nel sito di Primo Formenti