Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop
lunedì 8 febbraio 2016 18:55
Esposto alla Magistratura sulla ex discarica abusiva di Cà Leona in via Eridano. Intanto a Santa Lucia si continuano a coltivare terreni con cemento amianto frantumato.
 
Connetti
Utente:

Password:



Politica

NO alla Riforma della Costituzione. Al via la campagna referendaria

L'Associazione Nazionale Partigiani Italiani scende in campo in difesa della Costituzione Italiana, facendosi promotrice ed aderendo al Comitato del NO alla Riforma Costituzionale.

CARLO SMURAGLIA
lunedì 9 maggio 2016 11:32

L'Associazione Nazionale Partigiani Italiani scende in campo in difesa della Costituzione Italiana, facendosi promotrice ed aderendo al Comitato del NO alla Riforma Costituzionale.
L' ANPI di Persiceto ha votato all'unanimità il documento congressuale, impegnandosi a promuovere e sostenere la campagna per il NO.
E' al via alla raccolta delle firme per promuovere i referendum abrogativi sulla legge elettorale "Italicum" e contro la proposta di riforma della Costituzione. Abbiamo riscontrato fortissima adesione e raccolto le firme delle persone che, documento alla mano, hanno chiesto numerose di sottoscrivere la richiesta di referendum.
L' ANPI Persiceto chiede a tutti i suoi iscritti di aderire e collaborare alla campagna a difesa della Costituzione affinchè, da strumento a tutela e garanzia della democrazia nel nostro paese, non venga snaturata e ridotta di fatto a mero strumento per l'esercizio del potere da parte del Governo attuale e di quelli che verranno.

La riforma del Senato, strappo alla Costituzione

Carlo Smuraglia, presidente nazionale Anpi


Con la votazione del testo, senza più discussione né voti su emendamenti, si conclude l'iter della riforma del Senato. La scena della prima seduta parla da sola: i banchi semivuoti, tutte le opposizioni assenti. È l'esatto contrario di ciò che avrebbe voluto il legislatore costituente, anche con l'articolo 138: modifiche apportaste con largo consenso e non con una semplice maggioranza di Governo.
Si conclude così un lungo e triste cammino. Dico triste perché una vera e approfondita discussione di merito non c'è stata e ciò che colpisce è la povertà degli argomenti addotti proprio dai sostenitori della riforma. In una precedente seduta, definita "cruciale", si sono approvate alcune modifiche, per venire incontro - si è detto - alle opposizioni e soprattutto alla minoranza del PD. Ma le modifiche sono state assolutamente inconsistenti anche se poi hanno ricevuto l'approvazione.
Mi soffermo solo un momento sul famoso art. 2, oggetto di tante controversie e relativo alla "elezione" dei futuri Senatori.

La semplice lettura del nuovo e definitivo testo lascia basiti.

Si è aggiunto che i senatori saranno eletti "in conformità della scelte espresse dagli elettori per i candidati consiglieri in occasione del rinnovo dei medesimi organi, secondo le modalità stabilite dalla legge, di cui al 6° comma". Si va al comma 6 e si scopre che le modalità di attribuzione dei seggi e di elezione dei membri del Senato fra consiglieri e sindaci saranno determinate da una legge approvata da entrambe le Camere.
Dunque, uno dei punti principale della riforma, che dovrebbe costituire addirittura un evento storico è rinviato alla legislazione ordinaria. Fino ad allora il cittadino interessato non saprà in cosa consiste la elettività dei senatori e tanto meno quale sia il significato di quella frase, effettivamente un po' "vaga", che vuole che i senatori siano eletti "in conformità delle scelte espresse dagli elettori".
Si è mai visto nulla di simile in materia costituzionale? E coloro che votano tranquillamente questa riforma, si rendono conto che stanno votando su un guscio vuoto proprio in uno degli aspetti fondamentali? Era solo un esempio.
Comunque, varata la riforma, si passerà al referendum, che si svolgerà, a quanto pare, in ottobre.

Non bisogna aspettare fino ad ottobre, ma bisogna muoversi subito per informare e chiarire ai cittadini, che dovranno votare con cognizione di causa. Avviamo insomma, la campagna referendaria nella quale, ha detto il Presidente del Consiglio, che "non si parlerà solo di contenuti".
E di cosa altro allora? Noi non votiamo per la sopravvivenza del Governo o per la sua caduta; ci impegniamo, con tutte le nostre forze, per cercare di impedire uno strappo alla Costituzione, che è anche uno strappo alla democrazia, o quantomeno, alla rappresentanza ed al completo esercizio della sovranità popolare.
E sia chiaro: la battaglia può anche essere impegnativa, ma è tutt'altro che invincibile; e noi vogliamo vincere il referendum perché crediamo sia giusto e corrispondente alla volontà dei Costituenti. Per questo, dunque, da domani, anzi da oggi, tutti al lavoro!