Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop
lunedì 8 febbraio 2016 18:55
Esposto alla Magistratura sulla ex discarica abusiva di Cà Leona in via Eridano. Intanto a Santa Lucia si continuano a coltivare terreni con cemento amianto frantumato.
 
Connetti
Utente:

Password:



General

Atti vandalici fascisti a Persiceto per il 25 aprile

Decine di manifesti a strisce tricolori, inneggianti al giorno della Liberazione, sono stati strappati in maniera metodica. L'Anpi: "Gesto di matrice fascista".

ANPI
martedì 26 aprile 2016 21:30

Manifesti tricolori della Liberazione stracciati a Persiceto nel 25 aprile
Manifesti tricolori della Liberazione stracciati a Persiceto nel 25 aprile

Diffondiamo il comunicato dell'Anpi di Persiceto. Tutta la redazione di Controcorrente si associa nella condanna del vile gesto di matrice fascista.

Il 25 aprile a Persiceto, giorno in cui si festeggia la ricorrenza della LIBERAZIONE dalla dittatura fascista e dall'occupazione nazista, è stato turbato da atti incivili.
L'encomiabile opera di ragazzi e ragazze che, nella notte del 24, avevano affisso decine di manifesti a strisce tricolori inneggianti al giorno della Liberazione, è stata vanificata da gesti di matrice fascista che hanno, in maniera metodica, strappato o lacerato quasi tutto.
L'atto, senza precedenti per l'accanimento dimostrato, non può essere liquidato come una "bravata", ma si configura come una vera e propria provocazione nei confronti della cittadinanza, dei valori della Resistenza e del contributo di sangue che la nostra comunità ha dato alla liberazione.
Non sappiamo da quale "impasto" educativo provengano costoro. Sappiamo che la cultura dello spregio, della arroganza e della prevaricazione che li muove fa parte di ciò che combattiamo e di ciò che è stato sconfitto.
Se credono di poter ottenere risultati da una azione del genere, hanno completamente sbagliato le loro aspettative.
L'unico risultato è la ripugnanza che il loro gesto ha generato nell'ANPI, nelle famiglie dei Caduti che sono stati onorati il 25 aprile e in tutti coloro che ne coltivano la memoria per trasmetterne gli alti valori alle nuove generazioni.