Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop
lunedì 8 febbraio 2016 18:55
Esposto alla Magistratura sulla ex discarica abusiva di Cà Leona in via Eridano. Intanto a Santa Lucia si continuano a coltivare terreni con cemento amianto frantumato.
 
Connetti
Utente:

Password:



Cultura

Tra colore e segni. Quadri e sculture di Stefano Rambaldi

In mostra all'Atelier, in via Tassinara 36a, sino al 24 aprile i quadri policromi, e le sculture di Stefano Rambaldi. Apertura sabato e domenica dalle 17 alle 19.30.

HANA SILBERSTEIN - L'ATELIER
lunedì 11 aprile 2016 20:49

Lo scultore e pittore Stefano Rambaldi
Lo scultore e pittore Stefano Rambaldi

L'attenzione è l'elemento base.
Se vogliamo considerare i tempi lampo della creazione del mondo, raccontati nella bibbia, non ci dobbiamo mai dimenticare del tempo che servì a Dio per studiare attentamente gli elementi e le leggi che poi fecero parte, e lo fanno tuttora, dell'universo intero.
Per quanto possa immaginare una cosa inimmaginabile, azzarderei a stimare quel tempo dell'attenzione divina come una piccola eternità, dato che ad un certo punto ebbe una fine.
E se l'attenzione serve a Dio stesso, tanto più serve all'uomo che non tutto può. Rambaldi riconosce questa importante verità, che diventa l'elemento chiave sia nella scelta dei materiali che del modo in cui ne fa uso.

L'artista predilige la carta fatta artigianalmente e per trovarla compie dei lunghi viaggi. Ogni terra produce una carta diversa e ogni carta cela i suoi segreti e il proprio carattere. Quando l'artista si accinge ad interrogare gli elementi delle sue creazioni, ancora vergini, lo fa in silenzio, e con lo sguardo e il tatto cerca di studiarli fino in fondo: ogni rilievo della carta, ogni piega, anche la più nascosta viene chiamata all'appello. A volte la carta è rigida, a volte si piega facilmente, altre volte si disfa troppo velocemente colpita da una goccia d'acqua. Per fare un discorso valido bisogna dialogare con i materiali, tutti scelti accuratamente, e farli incontrare sulla superficie.

Ci vuole il contatto di pelle prima di unire gli elementi. L'Artista studia i colori, le polveri, sperimenta le patine e lo fa su piccole superfici come le cellule di un organismo. Osserva le loro vibrazioni e la luce che emanano e poi come un compositore di musica, unisce le cellule e crea l'opera come un concerto, una sinfonia o un minuetto e una suite.

Rambaldi, che nasce come scultore, propone le mappe dei suoi percorsi, che portano sempre a se, a casa. Nelle sue sculture, i movimenti dei pezzi di legno, assemblati e incollati uno all'altro, si concludono con un ritorno a sè e non rimangono mai aperti.
La forma delle sculture è sempre chiusa e compiuta. Quando finisce un viaggio, ne incomincia un altro, a volte più lungo, a volte più difficoltoso anche se più corto, e se appoggiassimo per terra una sua scultura- mappa vedremmo che le strade si uniscono sempre senza una via di uscita, sembrando un borgo impenetrabile.
Ma le sculture sono erette e dalle parti vuote del tragitto si intravede, come da finestre, il cielo e il mondo che Rambaldi avvolge nelle vibrazioni della sua musica.