Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop
lunedì 8 febbraio 2016 18:55
Esposto alla Magistratura sulla ex discarica abusiva di Cà Leona in via Eridano. Intanto a Santa Lucia si continuano a coltivare terreni con cemento amianto frantumato.
 
Connetti
Utente:

Password:



Welfare

Rusticelli: "I pagamenti chiesti da Virgilio non hanno fondamento"

"I contratti di concessione escludevano futuri oneri a carico dei cittadini concessionari, per cui chiedere contributi per la manutenzione ordinaria dei cimiteri non è giustificabile".

LA REDAZIONE
giovedì 18 febbraio 2016 19:03

Carla Rusticelli
Carla Rusticelli

Virgilio, ovvero la tassa ingiusta sui loculi. Che fare? Pagare o non pagare?

Carla Rusticelli, che da anni sta combattendo contro le ingiustizie di Virgilio e sta raccogliendo la protesta che sfocerà in un ricorso collettivo, così risponde.
"Virgilio è una società privata, e non un Ente pubblico, per cui non può richiedere il pagamento forzoso con le cartelle di Equitalia. Chi lo sostiene fa solo del terrorismo dichiarando il falso. Ciò che potrebbe fare è ricorrere all'Autorità giudiziaria per ottenere un decreto ingiuntivo con cui pretendere il pagamento del credito. Ma il problema per Virgilio è che non esiste alcun credito da rivendicare poiché la sua richiesta è di dubbia legittimità. Ed inoltre nessuno ha richiesto a Virgilio un servizio, per cui l'emissione di bollettini che questa società continua ad inviare è incomprensibile. Sono indignata perché chiedere soldi e fare affari speculando sui loculi, è violentare gli affetti più intimi nel ricordo dei defunti e richiede una buona dose di cinismo".

Esiste un fondamento giuridico per fare pagare il canone di manutenzione ordinaria dei cimiteri, come viene richiesto dalla società Virgilio ai proprietari dei loculi cimiteriali?

"No, non esiste. Infatti la Regione con lettera del Direttore generale sanità e politiche sociali inviata ai Sindaci soci di Virgilio, in data 9 aprile 2014, esclude perentoriamente tale richiesta ritenendo che non ha giustificazione legale. Non solo. I contratti di concessione (magari sottoscritti dai nostri nonni) escludevano futuri oneri a carico dei cittadini concessionari, per cui chiedere contributi per la manutenzione ordinaria dei cimiteri non è giustificabile. La manutenzione ordinaria dei cimiteri rientra nel contesto dei servizi di pertinenza del Comune e quindi si assolve il costo con la fiscalità generale, cioè con gli introiti che l'Ente incassa con le tasse versate dai suoi contribuenti. Certo che in questi anni sia il Comune sia la società Virgilio facendo orecchie da mercante, sono rimasti indifferenti alle sollecitazioni dei cittadini che chiedevano un ripensamento per tale contributo, ripensamento che, invece, che hanno avuto i Comuni di Sant'Agata e Anzola (anch'essi soci di Virgilio) che hanno soppresso questo balzello, rendendosi conto del momento di difficoltà economiche locali e nazionali ".

Anzola e S. Agata Bolognese stanno tutelando i loro cittadini. L'ex sindaco Mazzuca aveva promesso che sarebbe uscito da Virgilio.

"Certo è che la coerenza non sta di casa in questo Paese. Non è successo che il Comune di S. Giovanni si sia comportato conseguentemente alle dichiarazioni del suo ex Sindaco. Ricordo inoltre che Mazzuca aveva scritto alla Regione in risposta alla lettera da questa inviata, che la richiesta di pagamento non aveva effetti retroattivi. Ebbene Virgilio continua a richiedere il pagamento del cosiddetto "canone" per gli anni 2012/2013/2014/2015 in palese contrasto con le dichiarazioni dell'ex primo cittadino.
Ancora più incomprensibile è l'atteggiamento di Virgilio nelle sue richieste di pagamento agli EREDI di loculi. Non essendovi in Comune una anagrafe aggiornata dei titolari delle concessioni e dei loro eredi, viene inviata la richiesta di pagamento ad un eventuale discendente del Defunto, sia che sia legittimo erede o non lo sia, costringendolo a fare il "sostituto d'imposta" verso gli eventuali coeredi dopo avere pagato lui per tutti".