Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop
lunedì 8 febbraio 2016 18:55
Esposto alla Magistratura sulla ex discarica abusiva di Cà Leona in via Eridano. Intanto a Santa Lucia si continuano a coltivare terreni con cemento amianto frantumato.
 
Connetti
Utente:

Password:



Cultura

Da materiali umili di recupero, Odessa crea opere dal gusto sublime

"Tracce silenti" è la mostra di Francesco Odessa, organizzata da L'Atelier in Via Pietralata 16/b a Bologna. Inaugurazione il 12 alle 17.30. La mostra rimarrà aperta sino al 26 marzo.

HANA SILBERSTEIN
martedì 8 marzo 2016 22:11

"Tracce silenti" è il titolo della mostra di Francesco Odessa, organizzata dall'associazione persicetana L'Atelier in Via Pietralata 16/b a Bologna.
Inaugurazione il 12 alle 17.30. La mostra rimarrà aperta sino al 26 marzo, giovedì, venerdì e sabato dalle 16.30 alle 19. Ingresso libero.


Francesco Odessa presenta delle superfici complesse e stratificate, dal linguaggio ricco di solchi, di percorsi segreti tra il visibile e l'invisibile, segnati da enigmatici simboli e punteggiature colorati, che si mostrano in tutta la loro imponenza, come dei codici da un'infinita possibilità di letture. L'Artista riesce ad evocare l'ascolto dello sguardo, quella disposizione a immergersi nei sensi del colore e del segno, per captare le risonanze e gli accordi interni. Così, la percezione di sottili mutamenti interiori modifica gli stati di lettura dell'opera.
Per Odessa, segni e colori sono strumenti per stabilire, sulla superficie, ritmi e variazioni di un divenire dinamico che è il pensiero stesso della pittura. Nella lettura delle opere si intuisce il pulsare di un cuore (il nostro?), si legge un tracciato del ritmo fatto di puntini e virgole come un nuovo codice di un futuro modo di percezione della vita, cosa che ha un forte impatto evocativo sulla sfera meditativa.
L'Artista rimette sempre in questione il valore e il senso della superficie, in modo che le sue opere pittoriche e quelle scultoree si interroghino e rispondano alle certezze formali e figurali, con un procedimento di azione e di reazione.
Le opere di Odessa hanno strutture diverse, frutto di una ricerca attenta e voluta: tessuti abbandonati e dismessi, cera, legno, sassi, colore acrilico, olio, marmo, metallo e colla. L'Artista, che fa largo uso di materiali umili di recupero, crea delle opere dal gusto sublime e mette in risalto la loro celata bellezza.

Biografia dell'artista

Francesco Odessa nasce nel 1957 a Bari. Nel 1964, la sua famiglia si trasferisce a Bologna dove l'artista cresce e segue gli studi all'istituto d'arte. Per molti anni si dedica alla creazione e realizzazione di gioielli, accanto alla ricerca artistica i cui frutti sono ospitati nella sua personale presso gli spazi dell'Associazione Culturale L'Atelier, Via tassinara 36/a, San Giovanni in Persiceto (Bologna).